Ricerca

Il Cutgana nel corso degli anni ha sviluppato attività di ricerca  e svolto diverse consulenze a favore di enti pubblici e privati.

Tra i Progetti di ricerca realizzati di recente si segnalano:

-Calypso (PO Italia-Malta 2007-2013)

-CET- Fruizione sostenibile di Circuiti EcoTuristici (PO FESR Sicilia 2007-2013)

-Hot Earth (PO FESR Sicilia 2007-2013)

-EcosHaz - Economics of Prevention Measures Addressing Coastal Hazards (Project co-funded by the EU Humanitarian Aid and Civil Protection)

-VEDI (Vision Exploitation for Data Interpretation - Sistema integrato di Analisi Comportamentale e Visione Aumentata per il miglioramento dell’offerta e della fruizione negli spazi museali e naturali) finanziato dal Ministero per lo Sviluppo Economico nell’ambito di Horizon 2020 – PON 2014/2020

-CARE MEDIFLORA: Conservation Actions for Threatened Mediterranean Island Flora: ex situ and in situ joint actions

Progetti di ricerca in fase di realizzazione

-Calypso South (Extending Data and Services for Safer Navigation & Marine Protection) - Programma Interreg V A Italia-Malta finalizzato a potenziare e favorire la sicurezza nel trasporto marittimo nel canale siculo-maltese

-VALUE (Visual Analysis for Localization and Understanding of Environments) - PO FESR Sicilia 2014-2020 

-VAMES (Valutazione e mappatura dei servizi ecosistemici). Il progetto di ricerca mira a sviluppare metodi avanzati per la stima del valore economico e la produzione di mappe georeferenziate dei servizi ecosistemici senza mercato. I risultati saranno utilizzati per dimostrare i benefici della gestione sostenibile e della conservazione del capitale naturale e per simulare, a livello locale, schemi di contabilità ambientale e di sistemi di pagamento dei servizi ecosistemici. 

-SAND (Monitoraggio di litorali sabbiosi affetti da fenomeni di erosione: valutazione dei tassi di arretramento e possibili interventi di difesa). Il progetto si propone di monitorare le variazioni delle linee di costa e degli apporti sedimentari in litorali sabbiosi della Sicilia, affetti da vistosi fenomeni di erosione, soprattutto in aree turisticamente significative e ad alto impatto antropico, anche soggette a fenomeni atmosferici estremi. Il progetto ha lo scopo di valutare quantitativamente i tassi di arretramento costiero e di individuarne le cause, per poter in seguito ipotizzare gli interventi di difesa più idonei e più basso impatto ambientale e paesaggistico

-ECOMARE (Valutazione di benefici economici della protezione degli ecosistemi costieri e marini). Il progetto si propone di stimare i benefici economici degli interventi di tutela delle zone costiere e degli ambienti. Le stime saranno svolte seguendo lo più avanzate metodologie di nonmarket valuation. I risultati del progetto potranno essere impiegati per quantificare anche gli effetti dei cambiamenti climatici sugli ecosistemi marini 

-NATURE (Tutela e gestione di ambienti naturali e agroecosistemi ad alta naturalità). Il progetto si propone di acquisire nuove conoscenze scientifiche interdisciplinari a supporto delle politiche e degli interventi di conservazione e degli ambienti naturali e agricoli ad alta naturalità e in particolare delle aree protette gestite dal Centro di ricerca

-FIPEVIS (First Person Vision for Monitoring Users in Protected Areas and Heritage Sites)

-BIGDATA (Using Big Data for Preference Assessment)

-BENEFITS (Estimating Nature’s Benefits)

Il Cutgana ha attivato anche formali rapporti di collaborazione scientifica con i seguenti di enti di ricerca internazionali:

- Basque Centre for Climate Change (BC3) 

- Centre for Environmental and Resource Economics (CERE) (Umeå University, and the Swedish University of Agricultural Sciences (SLU)

- Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA)

Il Cutgana e l'Enea hanno costituito la Struttura di Ricerca Comune finalizzata alla realizzazione di attività di ricerca di base e applicata nel campo della gestione e valorizzazione del patrimonio naturale e culturale, nello sviluppo di metodologie e tecnologie per la valorizzazione dell’ambiente marino e costiero, nel settore dell’efficienza energetica e delle fonti di energia rinnovabili, del riciclo dei rifiuti di origine urbana ed industriale, e nell’innovazione del sistema agro-alimentare. La struttura, operativa dal 3 ottobre 2016, ospitata dal Cutgana, prevede, inoltre, lo svolgimento di attività di formazione a favore di studenti nonché la partecipazione congiunta a bandi di ricerca internazionali, nazionali e regionali. Un’opportunità a disposizione dell’intera comunità accademica catanese”. Responsabile scientifico per l’Università di Catania è il prof. Giovanni Signorello    

- Natural Resources and Environmental Research Center (University of Haifa, Israele)

- Faculté des Sciences et Techniques de Tanger - Université Abdelmalek Essaâdi (Marocco)

Il Cutgana partecipa anche al programma nazionale di monitoraggio dell’avifauna promosso dall’Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) di Bologna e denominato MonITRing con una stazione di monitoraggio a sforzo costante dell’avifauna attraverso la tecnica dell’inanellamento scientifico. Per il momento l’attività si svolge nella Riserva naturale integrale “Complesso Immacolatelle e Micio Conti” a San Gregorio di Catania. 

Numerose anche le partecipazioni a convegni e le pubblicazioni scientifiche